Benvenuti su Sì! Magazine - il blog di pagine sì!

Apple annuncia l’apertura a marketplace alternativi su iOS in conformità al DMA: implicazioni e requisiti

Marketplace alternativi su iOS

Nelle ultime ore, Apple ha fatto un importante annuncio riguardante l’apertura di marketplace alternativi su iOS, in conformità con il Digital Markets Act (DMA). Questo apre nuove possibilità per gli sviluppatori, ma anche presenta alcune sfide significative. In questo articolo, esamineremo l’approccio di Apple e i requisiti che gli sviluppatori dovranno affrontare per creare e gestire tali marketplace.

 

Requisiti di accesso finanziario: una soglia elevata

Una delle prime sfide che gli sviluppatori dovranno affrontare riguarda i requisiti finanziari stabiliti da Apple. Per creare un marketplace alternativo su iOS, è richiesta una lettera di credito stand-by di 1 milione di euro fornita da un istituto di credito con rating A. Questa lettera di credito funge da garanzia, coprendo eventuali mancanze dell’azienda che desidera aprire il marketplace. Questo requisito, sebbene possa essere giustificato per garantire la sicurezza e la stabilità del marketplace, potrebbe rappresentare un ostacolo insuperabile per sviluppatori indipendenti e piccole imprese.

 

Commissioni e la Core Technology Fee (CTF)

Oltre ai requisiti finanziari, c’è un’altra questione importante da considerare: le commissioni che gli sviluppatori dovranno pagare ad Apple. Attualmente, gli sviluppatori che pubblicano su App Store pagano commissioni del 15% dei ricavi, o del 30% per le aziende con ricavi annuali superiori a 1 milione di dollari. Con l’introduzione della Core Technology Fee (CTF), che sarà richiesta anche per la pubblicazione su store alternativi, si aprono nuove considerazioni.

La CTF offre agli sviluppatori in Unione Europea un’alternativa alle tariffe standard. Tuttavia, comporta alcune nuove condizioni, tra cui una tariffa ridotta del 10% per gli sviluppatori più piccoli e del 17% per quelli che superano il milione di dollari di fatturato. Inoltre, è prevista una tariffa di 0,50€ per ogni prima installazione annuale dopo il primo milione di installazioni.

Quest’ultima condizione ha suscitato molte discussioni tra gli sviluppatori indipendenti. Infatti, anche se un’app gratuita diventa virale e genera milioni di download, lo sviluppatore dovrà comunque affrontare costi considerevoli. Questo potrebbe scoraggiare gli sviluppatori indipendenti, specialmente quelli che utilizzano il modello freemium.

 

Conclusioni

Mentre l’apertura di marketplace alternativi su iOS offre nuove opportunità per gli sviluppatori, è importante considerare le sfide e i requisiti imposti da Apple. L’alto costo iniziale e le nuove tariffe potrebbero limitare l’accesso a questo mercato a favore delle grandi aziende. Gli sviluppatori dovranno valutare attentamente i costi e i benefici prima di decidere se intraprendere questa strada. Nel frattempo, l’industria continuerà a osservare da vicino l’evoluzione di questa iniziativa e le sue implicazioni sul mondo degli sviluppatori su iOS.

Condividi l'Articolo:

Redazione
Redazione
Le persone del Sì! Magazine, il blog di Pagine Sì! dedicato alla realtà digitale. Scriviamo guide, informazioni, approfondimenti e notizie sul nostro mondo. Qui trovi le piccole e grandi storie di successo, gli importanti dibattiti sull’innovazione, i temi legati alla trasformazione digitale, gli strumenti utili legati alla tecnologia e al marketing.

richiedi consulenza gratuita

Imprenditore o Professionista? Sviluppa la tua Strategia Digitale

Se hai una Azienda o sei un Libero Professionista, approfitta della Consulenza Pagine Sì! per definire la tua Strategia di Comunicazione e Marketing Digitale.

Compila il Modulo di Richiesta e ti forniremo una CONSULENZA GRATUITA e senza impegno.

CONSULENZA_MAGAZINE