Benvenuti su Sì! Magazine - il blog di pagine sì!

Google risolve controversia legale sulla navigazione in “incognito” in Chrome

controversia modalità incognito google chrome

Google ha annunciato di aver raggiunto l’accordo per risolvere una causa legale incentrata sulla modalità di navigazione “incognito” di Chrome

Invece di proseguire con una lunga battaglia legale nei tribunali, l’azienda di Mountain View ha scelto di raggiungere un accordo che si prevede chiuderà il caso tra gennaio e febbraio, dopo che la richiesta di archiviazione è stata respinta dalla giudice Yvonne Gonzalez Rogers del distretto settentrionale della California lo scorso agosto. Così Google chiude la controversia sulla modalità “incognito” di Chrome, il suo popolare browser web, che si portava avanti dal 2020.

La class action presentata chiedeva un risarcimento di oltre 5 miliardi di dollari. L’accusa principale affermava che Google memorizzava i dati di navigazione privati degli utenti in modalità “incognito”, al fine di inviare annunci personalizzati e identificare univocamente ciascun utente. Ciò andava contro lo scopo dichiarato della modalità “incognito” di Chrome. Questa infatti dovrebbe preservare la privacy degli utenti impedendo la registrazione di cronologie di navigazione, ricerche e l’uso di cookie.

Secondo le affermazioni dei querelanti Google utilizzava strumenti come Analytics per monitorare gli utenti. Questa pratica è stata dimostrata attraverso conversazioni via email. Un comportamento che sembrava aggirare le promesse di privacy associate alla modalità “incognito”. In precedenza Google aveva informato gli utenti che, nonostante la modalità “incognito”, i siti web potrebbero comunque riuscire a raccogliere informazioni sulle loro attività di navigazione.

In risposta all’accordo Google ha sottolineato il suo impegno continuo per migliorare le pratiche sulla privacy. L’azienda afferma di voler investire in tecnologia e controlli che offrano maggiore trasparenza agli utenti sui propri dati. Questo accordo pone fine a una disputa durata diversi anni e riflette l’importanza crescente della privacy online nell’era digitale.

 

La Controversia sulla modalità incognito di Google Chrome non ti riguarda? La privacy sì!

Se hai un’attività economica con il proprio sito web e che tratta i dati degli utenti, anche tu devi essere in regola con le nuove regole e politiche in termini di privacy.
Allora puoi fare due cose. La prima è scoprire quello che devi sapere cliccando qui. Oppure contatta chi se ne occupa ogni giorno compilando il modulo in fondo a questa pagina.

Condividi l'Articolo:

Redazione
Redazione
Le persone del Sì! Magazine, il blog di Pagine Sì! dedicato alla realtà digitale. Scriviamo guide, informazioni, approfondimenti e notizie sul nostro mondo. Qui trovi le piccole e grandi storie di successo, gli importanti dibattiti sull’innovazione, i temi legati alla trasformazione digitale, gli strumenti utili legati alla tecnologia e al marketing.

richiedi consulenza gratuita

Imprenditore o Professionista? Sviluppa la tua Strategia Digitale

Se hai una Azienda o sei un Libero Professionista, approfitta della Consulenza Pagine Sì! per definire la tua Strategia di Comunicazione e Marketing Digitale.

Compila il Modulo di Richiesta e ti forniremo una CONSULENZA GRATUITA e senza impegno.

CONSULENZA_MAGAZINE