Benvenuti su Sì! Magazine - il blog di pagine sì!

La rivoluzione delle batterie: Betavolt Technology presenta il prototipo della batteria radionuclidea

Batteria radionuclidea Betavolt Technology

Betavolt Technology, un’azienda cinese all’avanguardia nel campo delle tecnologie energetiche, ha svelato il prototipo di una batteria basata su un radionuclide che potrebbe rivoluzionare l’industria dei dispositivi elettronici. Questa innovativa batteria promette di alimentare smartphone e altri dispositivi per decenni senza mai richiedere una ricarica. In questo articolo, esploreremo le potenzialità di questa tecnologia, oltre a chiarire le preoccupazioni legate alla sicurezza.

Per chi si preoccupa delle implicazioni legate all’uso di una batteria radionuclidea, è importante notare che tali batterie sono già state impiegate con successo in applicazioni come i pacemaker e le missioni spaziali. Tuttavia, l’impiego su larga scala per dispositivi come i telefoni cellulari non era stato possibile fino ad ora, principalmente a causa delle dimensioni e della potenza erogata delle batterie disponibili.

 

Batteria dalle dimensioni ridotte, ma da 100 microwatt e 3 Volt

Betavolt Technology ha sviluppato il modello BB100, una batteria dalle dimensioni ridotte (15 x 15 x 5 mm) che eroga 100 microwatt e 3 Volt. L’obiettivo dell’azienda è raggiungere 1 Watt entro i prossimi due anni, offrendo la possibilità di combinare più batterie per ottenere una maggiore potenza, se necessario. Il radionuclide utilizzato è l’isotopo di nichel-63, che si trasforma in rame al termine del processo e non produce scorie dannose. Questa batteria è progettata per fornire energia per circa 50 anni e può funzionare in un ampio intervallo di temperature, da -60 a 120 gradi centigradi.

Un aspetto interessante è la dichiarazione di Betavolt Technology sulla mancanza di radiazioni in uscita, rendendo possibile l’utilizzo di questa soluzione anche in applicazioni mediche. Tuttavia, l’applicazione su larga scala, come nei futuri smartphone, rimane da verificare.

L’adozione di questa tecnologia potrebbe rivoluzionare il nostro modo di utilizzare i dispositivi elettronici. Non solo i telefoni cellulari, ma anche droni utilizzati per le consegne potrebbero funzionare ininterrottamente, eliminando la necessità di ricariche quotidiane. L’innovazione potrebbe portare benefici significativi agli utenti finali e promuovere la concorrenza nel settore tecnologico, spingendo altre aziende a investire in soluzioni simili.

In conclusione, la presentazione del prototipo della batteria radionuclidea da parte di Betavolt Technology rappresenta un importante passo avanti nel mondo dell’energia elettronica. Se questa tecnologia sarà effettivamente implementata su larga scala, potremmo presto godere di dispositivi elettronici che funzionano senza interruzioni per decenni, migliorando notevolmente la nostra esperienza tecnologica

Condividi l'Articolo:

Redazione
Redazione
Le persone del Sì! Magazine, il blog di Pagine Sì! dedicato alla realtà digitale. Scriviamo guide, informazioni, approfondimenti e notizie sul nostro mondo. Qui trovi le piccole e grandi storie di successo, gli importanti dibattiti sull’innovazione, i temi legati alla trasformazione digitale, gli strumenti utili legati alla tecnologia e al marketing.

richiedi consulenza gratuita

Imprenditore o Professionista? Sviluppa la tua Strategia Digitale

Se hai una Azienda o sei un Libero Professionista, approfitta della Consulenza Pagine Sì! per definire la tua Strategia di Comunicazione e Marketing Digitale.

Compila il Modulo di Richiesta e ti forniremo una CONSULENZA GRATUITA e senza impegno.

CONSULENZA_MAGAZINE