Benvenuti su Sì! Magazine - il blog di pagine sì!

Le implicazioni del DMA sulle modifiche all’App Store di Apple: forti critiche da Spotify

Implicazioni Digital Markets Act Apple

Apple ha recentemente implementato una serie di modifiche all’App Store europeo al fine di adeguarsi al Digital Markets Act (DMA) dell’Unione Europea. Queste modifiche, tuttavia, non sono state accolte positivamente da Spotify, con il CEO Daniel Ek che le ha descritte come una forma di “estorsione” e ha sollevato serie preoccupazioni riguardo alle implicazioni per gli sviluppatori e la competitività nel mercato delle app.

Nel suo blog aziendale, Daniel Ek ha espresso il suo disaccordo con le nuove politiche di Apple, accusando l’azienda di comportarsi in modo arrogante. Secondo Ek, il piano di Apple di consentire il sideloading tramite app store alternativi sarebbe un “falso pretesto di conformità e concessioni” e una “farsa completa e totale“.

Una delle principali critiche di Ek riguarda la “Core Technology Fee” di 50 centesimi di euro per download (dopo il primo milione) annuale, applicata a tutte le app scaricate dall’App Store ufficiale o da negozi alternativi. Ek solleva interrogativi sulle possibili conseguenze di questa tassa per gli sviluppatori di app gratuite, in particolare se un’app viene scaricata ma poi non utilizzata o rimossa dal dispositivo. Si chiede anche come uno sviluppatore dovrebbe gestire questa tassa se un’app gratuita diventasse improvvisamente virale e venisse scaricata milioni di volte.

 

Ek: DMA dannoso per gli sviluppatori

Ek sostiene che il nuovo piano commissionale di Apple potrebbe comportare un aumento dei costi per gli sviluppatori, specialmente per le app popolari, nonostante le affermazioni contrarie di Apple. Questo, secondo Ek, renderebbe il DMA ancora più dannoso per gli sviluppatori, minando le loro operazioni.

Inoltre, Ek evidenzia come queste nuove regole potrebbero danneggiare Spotify stesso. Se la società decidesse di distribuire la sua app tramite un app store alternativo, dovrebbe comunque pagare la Core Technology Fee ad Apple. Con un’utenza base di circa 100 milioni nell’Unione Europea, ciò comporterebbe un notevole aumento dei costi di acquisizione clienti. Ek sospetta che il piano di Apple possa essere un tentativo di costringere gli sviluppatori a rimanere nell’attuale status quo, invece di offrire una reale alternativa, vanificando gli obiettivi del DMA.

Daniel Ek condivide le preoccupazioni espresse da altri leader del settore, come Tim Sweeney, CEO di Epic Games, che ha criticato aspramente le nuove tariffe di Apple. Nonostante le tensioni, Ek ha promesso che Spotify continuerà a monitorare la situazione da vicino e valuterà le migliori strategie per affrontare queste sfide nel contesto dell’App Store europeo.

Condividi l'Articolo:

Redazione
Redazione
Le persone del Sì! Magazine, il blog di Pagine Sì! dedicato alla realtà digitale. Scriviamo guide, informazioni, approfondimenti e notizie sul nostro mondo. Qui trovi le piccole e grandi storie di successo, gli importanti dibattiti sull’innovazione, i temi legati alla trasformazione digitale, gli strumenti utili legati alla tecnologia e al marketing.

richiedi consulenza gratuita

Imprenditore o Professionista? Sviluppa la tua Strategia Digitale

Se hai una Azienda o sei un Libero Professionista, approfitta della Consulenza Pagine Sì! per definire la tua Strategia di Comunicazione e Marketing Digitale.

Compila il Modulo di Richiesta e ti forniremo una CONSULENZA GRATUITA e senza impegno.

CONSULENZA_MAGAZINE