Benvenuti su Sì! Magazine - il blog di pagine sì!

Wikipedia: Immaginare un Mondo senza l’Enciclopedia Libera

sostenere wikipedia

Ecco perché è così importante sostenere Wikipedia e come ha cambiato il mondo

Oggi è difficile pensare a un mondo dove non esiste Wikipedia. Questa piattaforma online, nata all’alba del XXI secolo, è diventata rapidamente un pilastro fondamentale nell’accesso e nella distribuzione del Sapere. La sua assenza lascerebbe un vuoto incommensurabile nel modo in cui cerchiamo informazioni, impariamo e condividiamo la conoscenza.

Eppure non di rado diamo per scontate le cose a cui abbiamo fatto l’abitudine. È quindi utile soffermarci a ricordare cosa sia Wikipedia, questo sito magico che in maniera fulminea ti risponde su praticamente qualsiasi argomento dello scibile umano, come viene gestito e da chi, com’era la nostra vita prima di Wikipedia e soprattutto perché si tratta di un patrimonio da proteggere e da supportare.

Non dobbiamo infatti pensare che Wikipedia sia un’entità invulnerabile: sebbene sia diventata una delle più grandi risorse educative e informative al mondo, la sua sopravvivenza ed affidabilità dipendono e sono sempre dipese dalla continua attenzione e dall’impegno della comunità globale.

 

Cosa facevamo prima di Wikipedia

Molti di noi ricordano sicuramente le enciclopedie voluminose, comprate a rate, che ancora oggi impreziosiscono con la loro imponente presenza gli scaffali delle librerie in moltissime case… Il loro costo elevato era il riflesso del considerevole sforzo impiegato per raccogliere e sistematizzare una tale mole di informazioni affidabili, un lavoro svolto da vasti collettivi di esperti e curatori. Ma questo prezzo rappresentava anche un indice tangibile del valore di tali opere, che nessuno metteva in discussione.

Tra le famiglie operaie e di estrazione medio-bassa, molti non esitavano infatti a fare considerevoli sacrifici per acquistare le enciclopedie, e lo facevano principalmente per i loro figli: perché questa vasta risorsa di conoscenze, oltre al supporto della scuola, potesse aiutarli a farsi strada nel mondo.

Tanti però non avevano questa possibilità economica, e ne erano pertanto tagliati fuori. Ecco quindi uno dei pilastri su cui si fonda la rivoluzione di Wikipedia: per una civiltà democratica l’accesso alla conoscenza non può essere un lusso, né un privilegio.

Wikipedia ha di fatto abbattuto le barriere tradizionali dell’apprendimento, rendendo la  conoscenza disponibile a chiunque disponga di una connessione internet, indipendentemente dal reddito o dalla posizione geografica. Per questo suo enorme contributo al Bene Comune, Wikipedia è da più parti riconosciuta come una delle maggiori realizzazioni umane del XXI secolo.

 

Il modello collaborativo di un’enciclopedia gratuita

Ma come è stato possibile realizzare un’enciclopedia gratuita? E per giunta affidabile, completa, in continuo aggiornamento e in decine di lingue? Questo è uno degli aspetti più affascinanti e innovativi dell’intero progetto. Wikipedia è infatti un modello unico al mondo di collaborazione globale.

La fondazione di Wikipedia è avvenuta nel 2001, quando Jimmy Wales e Larry Sanger hanno lanciato il sito come un complemento a Nupedia, un’altra enciclopedia online che però richiedeva lunghi (e costosi) processi di revisione da parte di esperti. Le difficoltà incontrate da Nupedia fecero sbocciare l’idea rivoluzionaria, a prima vista del tutto folle: permettere a chiunque con una connessione Internet di contribuire e modificare i contenuti, basandosi su un modello di collaborazione aperta e su principi di autoregolamentazione.

L’idea di contribuire con le proprie conoscenze nel creare un’enciclopedia universale letta in tutto il mondo ha immediatamente acceso l’entusiasmo di una vasta rete di volontari, che spaziano da esperti in varie discipline a persone ordinarie con una passione per un determinato argomento. Sono proprio i volontari che costruiscono Wikipedia e la arricchiscono giorno dopo giorno, dedicando parte del loro tempo e delle loro competenze alla redazione e alla revisione degli articoli.

Anche se chiunque può modificare Wikipedia, esistono diversi livelli di controllo qualità. Fin dall’inizio è infatti apparso chiaro che il rischio di incorrere in informazioni inesatte, parzialità e vandalismi rappresenta la maggiore vulnerabilità di questo sistema.

Per evitare ciò, esiste una rete di utenti più esperti, conosciuti come amministratori, che hanno il compito di supervisionare le modifiche, controllare le fonti, intervenire in caso di controversie e proteggere le pagine da errori e commenti arbitrari.

I risultati di questo miracolo di democrazia globale sono sotto gli occhi di tutti; provate oggi a chiedere a qualunque studente se preferirebbe tornare ai vecchi bigini, una volta indispensabili, piuttosto che affidarsi alle salvifiche pagine di Wikipedia…

 

Come e perché sostenere Wikipedia, la libera conoscenza digitale di cui abbiamo bisogno

C’è un fatto su cui tutti dovremmo riflettere profondamente: si tratta delle numerose restrizioni e censure subite da Wikipedia in Paesi autoritari. Questo evidenzia in maniera piuttosto chiara l’importanza fondamentale della libera conoscenza come Bene Comune, qualcosa che dobbiamo impegnarci a proteggere a qualunque costo.

Ma come possiamo agire attivamente, anche senza contribuire come volontari, a mantenere in vita questo fondamentale progetto?

Nonostante Wikipedia sia gratuita e senza pubblicità – che ne pregiudicherebbe i suoi principi di imparzialità e indipendenza – , il suo funzionamento implica costi significativi per la manutenzione dei server, lo sviluppo del software e altre spese operative. Questi costi sono coperti principalmente attraverso donazioni.

La Wikimedia Foundation, l’organizzazione no-profit che gestisce Wikipedia, conduce regolari campagne di raccolta fondi, incoraggiando gli utenti a sostenere il progetto. Queste donazioni permettono a Wikipedia di rimanere un’enciclopedia libera, senza l’influenza della pubblicità o delle sottoscrizioni a pagamento.

Come Pagine Sì!, sosteniamo e ti invitiamo a sostenere la libera conoscenza digitale. È molto più semplice di quanto si possa pensare e ogni singolo contributo ha un impatto reale. Anche una donazione di un 1 solo euro può fare la differenza: con un gesto così piccolo, non solo sosterrai le spese operative ma contribuirai alla difesa di un Bene Comune così essenziale. Feel Important.

Visita questa pagina per effettuare la tua donazione a Wikimedia Italia: https://www.wikimedia.it/donazioni

 

Condividi l'Articolo:

Team Comunicazione
Team Comunicazione
Le persone del Sì! Magazine, il blog di Pagine Sì! dedicato alla realtà digitale. Scriviamo guide, informazioni, approfondimenti e notizie sul nostro mondo. Qui trovi le piccole e grandi storie di successo, gli importanti dibattiti sull’innovazione, i temi legati alla trasformazione digitale, gli strumenti utili legati alla tecnologia e al marketing.

richiedi consulenza gratuita

Imprenditore o Professionista? Sviluppa la tua Strategia Digitale

Se hai una Azienda o sei un Libero Professionista, approfitta della Consulenza Pagine Sì! per definire la tua Strategia di Comunicazione e Marketing Digitale.

Compila il Modulo di Richiesta e ti forniremo una CONSULENZA GRATUITA e senza impegno.

CONSULENZA_MAGAZINE